La crisi è quel momento in cui il vecchio muore e il nuovo stenta a nascere. Antonio Gramsci

domenica 28 maggio 2017

G7 a Taormina, guerra e repressione come paradigma del potere

La Direzione nazionale del Prc – S.E. riunita in data odierna esprime all’unanimità la propria solidarietà incondizionata alle compagne e ai compagni che in questi giorni, soprattutto in queste ore, sono stati fermati dalle forze di polizia affinché fosse loro impedita la partecipazione al controvertice e alle manifestazioni che si sono svolte in Sicilia per contestare il G7. Ci è giunta notizia di fogli di via, emanati molto probabilmente in base alla legge Minniti – Orlando, dimostrazione concreta di come l’indirizzo repressivo, impresso anche da questo governo e da chi lo sostiene, sia ormai prevalente per sedare ogni forma di dissenso e di conflitto.
E condanniamo, insieme all’operato del governo italiano, il ruolo guerrafondaio e criminale nei confronti di migranti e richiedenti asilo, di distruzione ambientale, di ridefinizione delle politiche imperialiste che, in particolare questo G7 sta definendo.
In nome della “sicurezza” che lo svolgimento del vertice richiede, da una parte si bloccano i manifestanti e si ordinano cariche, dall’altra si impedisce a circa 1500 richiedenti asilo, bloccati su una nave umanitaria, di poter essere accolti in Sicilia.
Che si torni presto anche in Italia alle grandi mobilitazioni in cui poter riaffermare in tanti “voi G7 noi 7 miliardi.

Fonte: rifondazione.it 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.