La crisi è quel momento in cui il vecchio muore e il nuovo stenta a nascere. Antonio Gramsci

domenica 26 febbraio 2017

I nemici del popolo sono la finanza e le banche

di Guido Capizzi 
Tra pochi giorni si terrà un’iniziativa nazionale sulle questioni legate al denaro: "Il nemico è sempre finanziario, assumere il potere sulle banche". Martedì 28 febbraio presso la Bellevilloise, nel ventesimo distretto di Parigi, su invito di Pierre Laurent, segretario del PCF, la proposta unirà le forze di sinistra. Ci saranno Pascal Cherki, in rappresentanza di Benoît Hamon, Eva Sas di EELV MP, rappresentante della Francia ribelle. Parteciperanno anche Frédéric Boccara componente del Comitato economico del PCF, François Morin Professore Emerito di Economia, Marie-France Beaufils senatrice, Françoise Davisse regista.
L’iniziativa sarà anche trasmessa in diretta sull’account di Facebook del PCF (@particommuniste), sul canale Youtube accedendo al sito http://www.pcf.fr/. Emilie Lecroq, che lavora per un patto per una nuova maggioranza di sinistra, mi ricorda che “il Partito Comunista si rivolge al popolo di Francia: occorre voler girare la pagina di un sistema politico impotente ed eroso dalle forze del capitalismo”. Il popolo francese è in gran parte arrabbiato contro le politiche dure per i deboli e deboli contro il potente, contro ogni discriminazione nei confronti di una finanza che distrugge tutto ciò che nel Paese riguarda il lavoro, l’occupazione giovanile e le relazioni umane più preziose.
Si vorrebbe intervenire e decidere su tutte le questioni riguardanti la vita, il lavoro. La vittoria della destra o peggio ancora dell'estrema destra alle elezioni 2017 farebbe precipitare il Paese nella miseria, nell'arbitrarietà e nella divisione. Marine Le Pen vuole far regredire la Francia trascinandola sulla scia di Donald Trump, per il momento un autentico disastro. François Fillon vuole liquidare la sicurezza sociale e tutti i servizi pubblici, privatizzandoli nel bieco motivo dell’efficienza liberista.. Emmanuel Macron vuole estendere la logica della “Uberizzazione” a tutti i settori della vita e del lavoro.
“Non vogliamo questi anni neri per il nostro Paese” è un concetto che tutti i compagni comunisti sottolineano. “Ed è per evitare questo disastro che vogliamo in occasione delle elezioni presidenziali e parlamentari salvare la sinistra. Una sinistra che ricostruisce una grande politica della giustizia, dell'uguaglianza e della pace”. Insomma una sinistra che si propone un impegno per una efficace politica efficace contro la disoccupazione, la disuguaglianza e la povertà della vita, assicurando i diritti per i lavoratori e i cittadini. Si respira un’aria buona e cresce la speranza.
“Noi non vogliamo una politica che ha voltato le spalle al popolo negli ultimi cinque anni su spinta dalle forze liberali. La sinistra che vogliamo è quella che ha combattuto e continua a farlo contro la legge sul lavoro di Hollande-Valls, contro la privazione del progetto di cittadinanza, che si batte per il futuro dei servizi pubblici, che può aprire un nuovo futuro di progresso per la gioventù” mi dicono a eco tanti compagni incontrati in questi giorni.
C’è pochissimo tempo, sembrerebbe ancora irrealistico, ma oggi la presenza nel secondo turno delle elezioni presidenziali e la realizzazione di una maggioranza di sinistra e ambientalista appare possibile. “Questo è ciò per cui stiamo combattendo da oltre un anno,: non abbiamo presentato un candidato comunista nelle elezioni presidenziali per permettere il sostegno a Jean-Luc Mélenchon, il cui programma è il più vicino al nostro, con i nostri obiettivi”, sembrano non avere dubbi molti compagni del PCF e del fronte unitario in fase di costruzione.
C’è la necessità che si intensifichino le discussioni per arrivare a concludere un patto globale di maggioranza per governare la Francia.
“Vogliamo eleggere un presidente che si applicherà per una politica di rottura con l’austerità”.
I comunisti dovranno rimanere mobilitati e vigilie, prima, durante e dopo le elezioni, in un fronte popolare contro il grande capitalismo, la finanza distruttiva business e le destre.
“Noi comunisti proponiamo che il patto includa una 6^ Repubblica con il sistema presidenziale e il proporzionale in tutte le elezioni”.
Ci sarà da lavorare, e molto, sui diritti per i lavoratori nelle imprese, sul diritto di voto degli stranieri residenti in Francia, contro la polizia dal profilo razziale. Un programma di recupero sociale con l'abrogazione della legge El Khomri e la sua sostituzione con una legge di sicurezza del lavoro e la formazione, salari più alti, le prestazioni sociali minime, la riduzione dei tempi il lavoro, il pensionamento a 60 anni, una nuova ambizione per la sicurezza sociale, con un graduale ritorno a un rimborso di tutte le cure al 100%.
In questo Paese che è stato laboratorio di una rivoluzione di cambiamento si sente adesso la necessità di un piano d'azione globale per l'autonomia e la responsabilizzazione dei giovani in tutti i settori: l'educazione della prima infanzia, la cultura, lo sport, la salute, l'alloggio, l'occupazione.
Si aspira alla creazione di un ministero del diritto alla parità di genere e al rafforzamento degli accordi vincolanti per retribuzione e parità professionale.
Si incontra gente che vuole lottare contro ogni forma di discriminazione, sia determinata dall'origine, sia da religione, orientamento o identità di genere, malattia o disabilità.
Soprattutto si auspica la lotta contro la finanza, con un piano d'azione contro l'evasione fiscale, la creazione di un polo bancario pubblico per cambiare il ruolo del credito, con la nazionalizzazione di BNP Paribas e Societe Generale.
Poi ci deve essere un piano di battaglia per la Francia in Europa con la sfida al trattato fiscale europeo e un piano di investimenti finanziato dalla BCE sotto il controllo popolare.
Tutto dovrebbe servire alla Francia nella lotta contro l'esclusione e la povertà, massicci investimenti per le utilities, la casa per tutti e alle autorità locali un piano coerente di nuova industrializzazione. Creare posti di lavoro in tutti i settori rilevanti per lo sviluppo umano sulla base di uno sforzo di ricerca, pertanto lo sviluppo di transizione ecologica sotto il controllo pubblico, lo sviluppo di un nuovo modello agricolo.
Devono necessariamente aumentare le lotte sociali, mettere in campo incontri pubblici, discussioni anche sui social network: “sollecitare un forum dei cittadini su vasta scala e sentire l’esigenza di unità e impegno intorno a un patto può davvero cambiare la vita” è convinta Anne Kaufmann, giovane compagna impegnata nelle lotte studentesche..
Così si aprirà a tutte le forze di sinistra il prossimo incontro nazionale del 28 febbraio nelle Bellevilloise a Parigi, sul tema: "Il nemico è ancora la finanza".
Il tempo è questione primaria per la mobilitazione in tutto il mondo. I comunisti sono pronti per i cambiamenti attesi dai cittadini francesi.
Come uscire dall'austerità e dall'insicurezza, la lotta contro la disuguaglianza e la discriminazione, padroneggiare la rivoluzione dell'informazione digitale, innestare la transizione ecologica, sviluppare i servizi pubblici.
È indispensabile la riforma sulla tassazione delle imprese, aumentando le tasse per le imprese che favoriscono profitti finanziari, e decrescente per quelle che soddisfano i criteri sociali (livello di redditi da lavoro dipendente, per esempio) e ambientale (impatto delle attività sull'ambiente ).
A livello europeo e mondiale l’orizzonte si amplia, ma le teorie da applicare rimangono: posizionare la BCE al servizio del rapporto di lavoro e l'economia reale, consentendo ad alimentare un fondo di sviluppo economico ambientale e sociale per finanziare l'espansione dei servizi pubblici in tutta Europa.
“A quanti sostengono che i comunisti sono per l’abolizione dell’euro rispondiamo che vogliamo vedere l’Impegno per una valuta mondiale comune per i progetti di sviluppo di servizi in tutto il globo”.
La Commissione Europea deve creare un veto sulle decisioni del datore di lavoro in materia di licenziamento e legalmente costringere il datore di lavoro a prendere in considerazione tutte le proposte alternative avanzate dai dipendenti.
Si “sente” davvero la voglia di cambiare, non come continuano a raccontare le destre xenofobe e i capitalisti liberisti, ma nel senso di creare una società nuova, anti-capitalista e comunista.

Fonte: lacittafutura.it 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.