La crisi è quel momento in cui il vecchio muore e il nuovo stenta a nascere. Antonio Gramsci

giovedì 12 gennaio 2017

Giovani italiani: storia di chi fugge e di chi resta

di Maria De Paola
A partire dal 2009, il numero di italiani che emigrano all’estero è aumentato in maniera considerevole. Si tratta per lo più di giovani istruiti in cerca di prospettive migliori di quelle offerte dal nostro paese. Ma per le regioni del Sud le conseguenze possono essere particolarmente negative. Le prospettive di reddito degli individui dipendono molto da quelle dell’area geografica in cui vivono. Secondo alcune stime il luogo di nascita spiega circa il 60 per cento del reddito individuale. Difficile crescere in un paese o in un’area geografica che non si sviluppa.
Lo spazio già ristretto riservato all’iniziativa personale si riduce ancora di più in un paese a bassa mobilità intergenerazionale come il nostro. Spesso l’unica alternativa è quella di emigrare. Come ben documentato da uno studio di Massimo Anelli e Giovanni Peri (2016), nel nostro paese, a partire dal 2009, il numero di emigrati all’estero è aumentato in maniera considerevole. Solo nel 2015, hanno espatriato 107.529 connazionali, con un incremento del 6,2 per cento rispetto all’anno precedente. Si tratta soprattutto di giovani (grafico 1) che emigrano in cerca di lavoro. Tra le mete preferite ci sono la Germania (scelta dal 16,6 per cento degli espatriati del 2015), il Regno Unito, la Svizzera e la Francia, tutti paesi che hanno reagito alla crisi meglio dell’Italia.
Poiché tendono a emigrare gli individui maggiormente istruiti o che comunque sono dotati di abilità che trovano una buona remunerazione all’estero, le aree geografiche stagnanti perdono capitale umano a favore di quelle caratterizzate da più elevata crescita. Ciò è evidenziato in un recente studio che esamina le scelte degli studenti stranieri che hanno conseguito il dottorato negli Stati Uniti. Gli autori mostrano che la probabilità di restare negli Stati Uniti si riduce quando l’economia del paese di origine diventa più forte e aumenta invece con il tasso di crescita dell’economia americana. Non solo, a non fare ritorno nel paese di origine sono i giovani più promettenti, che hanno conseguito il diploma di scuola superiore in istituti prestigiosi e con buoni voti.

Grafico 1 – Numero di italiani emigrati per anno e fascia di età


Fonte: Anelli e Peri, 2016.

La mobilità del lavoro, da fattore positivo che può permettere l’assorbimento di squilibri temporanei, può diventare un fattore negativo e rendere questi squilibri permanenti. Gli emigrati non sono un campione casuale delle popolazione residente in un certo paese e se coincidono con la popolazione più giovane e dinamica, gli effetti di lungo periodo possono essere particolarmente negativi. Come mostrato dallo studio di Anelli e Peri, un esempio è la minore creazione di imprese. Non solo, nelle provincie italiane in cui l’emigrazione è cresciuta maggiormente si è anche assistito a un minor cambiamento politico. Vi è una più bassa partecipazione al voto e chi va alle urne sceglie consiglieri comunali più anziani, meno istruiti e prevalentemente maschi. Gli emigrati, quindi, si selezionano in base non solo all’istruzione, ma anche a molte altre variabili tra cui la disaffezione verso il sistema sociale e politico del paese di origine. Questo stato di cose sembra confermare quanto Albert Hirschman scrisse molti anni fa sulle conseguenze della “exit”: essa rende più difficile il superamento delle difficoltà in cui versa il paese o l’organizzazione da cui si esce perché indebolisce la strategia che sarebbe migliore, cioè la “voice” o protesta e lo fa anche perché i primi a “uscire” sono proprio i “portavoce della protesta virtualmente più influenti”.
Gli effetti sul Meridione
Gli effetti di questo processo possono essere particolarmente gravi al Sud. A differenza del Nord, dove l’emigrazione dei giovani verso l’estero è parzialmente compensata da coloro che arrivano dalle regioni meridionali, in queste ultime tale meccanismo di compensazione non ha luogo. Dal Sud molti giovani partono, soprattutto per il Nord, ma ben pochi arrivano: i dati del 2015 confermano un saldo migratorio interno negativo (-2.5). È probabile che anche in questo caso l’emigrazione sia soggetta a particolari meccanismi di selezione: in un’area povera di capitale sociale, ad andarsene potrebbero essere specialmente coloro che hanno un maggior livello di “civicness” (senso civico) e che più si sentono dissonanti al sistema. Non ci vuole molto a immaginare le conseguenze che ciò può produrre sulla possibilità di porre argine a vecchi mali, come criminalità, familismo e corruzione, e di intraprendere un cammino di cambiamento.
Non è certo una colpa spostarsi alla ricerca di prospettive migliori. Tuttavia, “l’uscita”, anche se individualmente conveniente, può essere socialmente inefficiente. La perdita di capitale umano e sociale è destinata a produrre conseguenze durevoli e negative: è difficile che da un tale processo di impoverimento possa nascere un successivo riscatto. Si va via per cercare di realizzare se stessi, ma anche perché non si ha speranza nella possibilità di cambiamento. La responsabilità più grave della classe dirigente italiana è quella di aver tolto questa speranza ai giovani.

Fonte: la voce.info

Nessun commento:

Posta un commento